Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicazione

La comunicazione del MISE che risponde alla lettera del Presidente Alemanno sull' INI-PEC

la lettera del MISE
Roma
  08/07/13

La comunicazione del MISE che risponde alla lettera del Presidente Alemanno sull' INI-PEC, pur dando risposta esclusivamente basata sull' attuale normativa che già si conosceva, la lettera costituisce documentazione utile al fine di evitare future possibili contestazioni per mancato inserimento delle pec dei tributaristi nel suddetto elenco.

Ora spetta al Governo e al Parlamento implementare la normativa sulla pec inserendo i professionisti associativi oltre che quelli ordinistici e le imprese ( tale problematica sarà seguita anche da Confassociazioni oltre che dall'INT, poiché se la ratio dell'utilizzo della pec è anche ridurre i costi della Pubblica Amministrazione, è necessario che anche gli indirizzi pec degli oltre 3 milioni di professionisti di cui alla Legge 4/2013 siano inseriti nell' INI-PEC).

Naturalmente ai tributaristi INT è comunque richiesta la pec ai sensi delle regole d'accesso all' elenco dei tributaristi esercenti e per l'inserimento negli elenchi inviati alle varie Amministrazioni pubbliche a seguito di accordi di collaborazione e/o protocolli d'intesa.