Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicazione

Problematica sollevata dal tributarista Brunelli della Delegazione INT di Perugia

Perugia
  26-07-2013

Agli iscritti INT

Di seguito la lettera del Collega Paolo Brunelli che lamenta, con ragione, l'atteggiamento di alcune casse previdenziali autonome di categorie professionali.

Pur non entrando nel merito come INT, ritengo meritevole di grande attenzione lo sfogo dell'amico Paolo, pertanto invitiamo i tributaristi a sollecitare i propri assistiti, che dovessero trovarsi nelle condizioni indicate nella comunicazione del Collega, ad evidenziare la problematica presso le rispettive Casse.

Un cordiale saluto a tutti Voi ed un grazie al Dott. Brunelli.


Il Presidente

Riccardo Alemanno




Siamo costretti in questi giorni a far fronte ad una serie di obblighi ed adempimenti a cui se ne aggiungono alcuni assolutamente assurdi che mettono in difficoltà i nostri studi ma anche i nostri clienti che esercitano la professione di:

Avvocato - Medico - Ragioniere.

Infatti scade il 31 luglio la dichiarazione reddituale alle tre casse di riferimento delle professioni suddette senza che se ne comprenda il motivo e la collocazione temporale in questo "tragico" periodo dell'anno.

In questa data infatti non solo le imposte non sono state pagate ma la stessa dichiarazione Unico non è certo stata inviata, costringendo i nostri clienti ad inoltrare informazioni vincolanti sulla base di dati a volte provvisori e sicuramente non ufficializzati dall'invio telematico.

Peraltro le casse che obbligano a questa scadenza sotto il "solleone" poi provvedono all'incasso nel mese di ottobre, quindi rendono ancor più ridicolo l'adempimento anticipato.

La Cassa forense che incassa invece il 50% della contribuzione il 31 luglio quando i propri iscritti sono costretti all'esborso per il pagamento delle imposte dovrebbe rivedere la propria politica dei flussi finanziari se non vuole rischiare una vera rivolta fra i contribuenti.

Sarebbe opportuna una presa di posizione presso le casse e forse anche la predisposizione di un comunicato che tutti i tributaristi potrebbero inviare ai propri clienti iscritti alle casse in questione per sollecitarli ad una protesta che parta dall'interno di tali istituzioni.

Grazie

Dottor Paolo Brunelli

TRIBUTARISTA ISCRITTO INT - LEGGE 04/2013

REVISORE LEGALE ISCRITTO N.8395 DEL REGISTRO