Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato

Dopo la protesta 2.0, nel Milleproroghe modifiche su regime minimi e blocco aumento aliquota gestione separata. Ovvero l'unione fa la forza.

Roma
  17-02-2015

Soddisfatto il Presidente dell'Istituto Nazionale Tributaristi (INT) e Vice Presidente vicario di Confassociazioni, Riccardo Alemanno, degli emendamenti approvati in Commissione al Decreto Milleproroghe, in tema di regime dei minimi e blocco dell'aumento dell'aliquota previdenziale della gestione separata.
"Ha vinto una protesta civile 2.0, si perché la rete ha evidenziato e dato il giusto risalto anche in termini numerici di quanti cittadini erano colpiti dall'aumento dell' aliquota della gestione separata e dal penalizzante nuovo regime dei minimi forfetizzati" ha dichiarato Alemanno che ha aggiunto " evidentemente la grande unione di intenti dei vari soggetti rappresentativi dei professionisti di area associativa ha dato i suoi frutti, ma credo che i parlamentari ed i rappresentanti del Governo abbiamo compreso che i problemi legati a norme sbagliate andavano ad incidere negativamente su un segmento molto ampio di forza lavoro ed economica del nostro Paese, che null'altro chiede se non di poter lavorare e dare lavoro. Quindi, come si suol dire, l'unione ha fatto la forza, ma mi piace pensare che la svolta positiva su queste problematiche derivi soprattutto dalla giustezza delle proteste, proteste per cambiamenti positivi e mai a sfavore di qualcuno. Ora però non si deve più aspettare e bisogna mettere mano ad una profonda riforma del fondo di gestione separata dell'Inps, inoltre come tributaristi dovremo essere molto attenti all' evoluzione della delega fiscale ed ai tanti provvedimenti in cantiere".
La grande concitazione dei giorni scorsi lascia quindi spazio alla soddisfazione, ma come affermato dal Presidente dell'INT non si deve mai abbassare la guardia, parché è un periodo di grandi cambiamenti che devono migliorare la vita dei cittadini e non travolgerla, perciò bisogna essere sempre pronti ad evidenziare le negatività come è giusto evidenziarne gli aspetti positivi.