Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato INT

Venerdì 29 dicembre 2017, è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge di Bilancio per il 2018: è la Legge n.205 del 27 dicembre 2017

Roma
  29-12-2017

Legge n.205 del 27 dicembre 2017, 1181 i commi dell’articolo unico, in sintesi tra i provvedimenti:

- riconfermati per il 2018 i bonus legati agli interventi di ristrutturazione edilizia: la detrazione, con tetto massimo di 96 mila euro per unità abitativa, è pari al 50%. È riconfermato anche l’eco-bonus, benché con alcune piccole modifiche (ad esempio, la percentuale si abbassa al 50% per l’acquisto e installazione di finestre e infissi, di schermature solari…). È anche prorogato di un anno il bonus mobili, con detrazione 50%. Viene infine prevista una detrazione maggiorata per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali, per ridurre il rischio sismico;

- riscritto il calendario fiscale: la data per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (spesometro) relative al secondo trimestre passa dal 16 settembre al 30 settembre. Cambia anche il termine per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi ed IRAP, che passa dal 30 settembre al 31 ottobre. Sempre al 31 ottobre passa il termine per la presentazione del modello 770;

- per assicurare la continuità operativa degli investimenti “Industria 4.0”, viene rifinanziata la misura di promozione delle PMI nota come “Nuova Sabatini”, confermati il super e l’iper ammortamento;

- introdotta la web tax, operativa dal 1° gennaio 2019, è prevista un’aliquota del 3%. È inoltre riconosciuto, dal 2018, un credito di imposta per coloro che operano nel settore della vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati e per gli esercenti che effettuano la vendita al dettaglio di libri di seconda mano;

- a regime la detrazione IRPEF del 19% per le spese (con un massimo di 250 euro) sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale;

- ampliata la platea dei beneficiari del bonus 80 euro, grazie all’aumento della soglia reddituale;

- la detrazione “figli a carico”, sale da 2.841 a 4.000 euro il limite di reddito complessivo per essere considerati fiscalmente a carico (ma solo ai figli di età non superiore a 24 anni);

- ampliamento del credito di imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati alle strutture produttive del Mezzogiorno.