Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato INT

INT: necessario il rinvio dell'entrata in vigore della fattura elettronica B2B

Roma
  07-06-2018

Con una breve lettera inviata a componenti del Governo ed a parlamentari, il Presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi (INT), Riccardo Alemanno, ha evidenziato le problematiche connesse all’ obbligo della fatturazione elettronica B2B in vigore dal 1° luglio prossimo per alcuni settori e poi dal 1° gennaio 2019 generalizzato per quasi tutte le partite IVA.
Si legge nella missiva: “ omissis....per evidenziare come l’introduzione obbligatoria della fattura elettronica B2B tra privati, in deroga a quanto previsto dalla normativa UE, richiederà una profonda riflessione e revisione ed è pertanto necessario quantomeno il rinvio della scadenza del 1° luglio ove è previsto tale obbligo per l’acquisto di carburanti e per i subappaltatori nei contratti di appalto con la P.A. Forse si è data una eccessiva accelerazione ad una modalità di fatturazione, che rappresenta sicuramente il futuro, ma che oggi metterebbe in forte difficoltà le imprese soprattutto le meno strutturate, di cui tutto hanno bisogno tranne che dover sostenere nuovi costi ed oneri.” Alemanno, al di là dei problemi contingenti del 1° luglio, evidenzia come si debba anche intervenire prima del gennaio 2019: “ Inoltre ritengo che nei prossimi sei mesi, prima dell’entrate in vigore generalizzata delle fatture elettroniche B2B e B2C, si debba ancor più semplificare l’emissione della fatturazione elettronica e modificare ed adattare l’ attuale normativa in tema di emissione, ricevimento e registrazione della fattura, altrimenti anche in questo caso è necessario un rinvio.”
I tempi sono ristretti, occorre intervenire con urgenza mettendo al centro dell’azione legislativa gli interessi e le necessità dei cittadini-contribuenti.